Pierluigi Billone
home  contatto  

 


Equilibrio. Cerchio

(2014)

per Violino
Commissionato della Südwestrundfunk


[pdf]

Pierluigi Billone


Si tratta di un violino con un´armatura di corde completamente diversa: tre IV corde e una III corda. L´accordatura è molto particolare, in un ambito molto ristretto: Mi, Fa, Sol, Re.

La manipolazione della mano sinistra sulle corde è inconsueta: ogni dito agisce quasi sempre su due corde contemporaneamente, quindi il suono più elementare è già doppio, e contiene dei battimenti.

La tecnica dell´arco è quella del violino e della viola moderni, con la sua ricchezza di possibilità.

La tipica velocità di articolazione e il virtuosismo esasperato e superficiale del violino (antico e moderno) sono esclusi.

 

Tutto è predisposto per far nascere una “voce musicale” del violino che possa essere diversa, e che generi possibilità di costruzione diverse.

Le vibrazioni continue, l´uso del glissato, l´oscillazione lenta e costante, le articolazioni della mano sinistra sugli stessi poli, o l´attacco duro e sforzato, ricordano certamente il suono di alcuni lavori di Giacinto Scelsi e Iannis Xenakis, e anche di tanta musica non europea.

La costruzione del lavoro e il gioco di rapporti sono invece completamente diversi.

Ci sono due forze sonore elementari e complementari: il suono tenuto e oscillante, e un pizzicato esplosivo istantaneo di tutte le quattro corde.

L´evoluzione di ogni singola forza e il mutamento dei loro rapporti generano i diversi momenti del lavoro.

Il suono tenuto e oscillante - forza instabile e senza punti di equilibrio – acquisterà le dimensioni, il profilo chiuso e l´equilibrio di un verso di recitazione.

Il pizzicato violento e istantaneo, la cui apparizione inizialmente è imprevedibile e dirompente – forza concentrata, monoforme e chiusa – acquisterà la flessibilità e l´instabilità necessarie per essere modulato. Diventerà parte di una formula ritmica elementare, che scandisce le riapparizioni del suono instabile in tutta la seconda parte del lavoro.

È un cerchio (il pezzo finisce in un momento dell´inizio), dove l´equilibrio delle forze muta costantemente, entro un limite definito.